Slide background

CATTEDRALE DEI S.S. STEFANO E AGATA

 

La cattedrale di Capua, risalente all’epoca della ricostruzione della città presso il fiume Volturno (seconda metà del sec. IX), sorge a sud-ovest del nucleo urbano longobardo. La retrostante riviera fluviale e la strada detta del Duomo che le passa davanti tagliando un’area abitativa medievale e confluendo nell’Appia, la vicinissima via più importante, le conferiscono una posizione dominante rispetto all’intera città.

 

L’imponente Torre Campanaria, di origine longobardo-normanna, mostra anche interessanti vestigia dell’antichità classica. Dalla piazzetta antistante, frutto dell’abbattimento settecentesco di alcune abitazioni private, si accede all’atrio “del Paradiso” (sec. V),aggiunto nel sec XI dal vescovo Erveo e risistemato nel 1803 con una balaustra di gusto rinascimentale. Fino al 1832 l’atrio ospitò le sepolture dei principi e dei nobili capuani. La facciata, così come si presenta attualmente, e la saggia ma recente collocazione di alcuni reperti lungo le pareti del porticato, lasciano intendere che il sacro edificio, in massima parte, è una struttura piuttosto moderna. La tradizione attribuisce la fondazione al Vescovo capuano Landulfo nell’856 utilizzando , per le 24 colonne del primitivo impianto, elementi di spoglio provenienti dall’anfiteatro o forse, dalla basilica de SS Apostoli. La costruzione fu poi ampliata dai Normanni, riordinata dall’arcivescovo aragonese Giordano Caetani (1447-1496), ristrutturata dal Card. Nicola Caracciolo tra il 1719 e il 1724, restaurata dal Card. Giuseppe Cosenza tra il 1854 e il 1857, distrutta dai bombardamenti del 9 settembre 1943, la cattedrale fu ricostruita negli anni tra il 1949 e il 1957.

 

L’interno a tre navate colpisce per l’altezza e la spaziosità. Nel 1992 furono rifatti il finestrone della facciata, la volta a botte della navata centrale, la trabeazione e le due lesene corinzie in prossimità del presbiterio. Gli altari si attribuiscono a maestri marmorari napoletani(secc. XVII-XVIII). I dipinti (secc. XVI-XIX), dei quali alcuni autori sono nomi celebri come Domenico Vaccaro, corrispondono a testimonianze dell’antico tempio o provengono da altre chiese. Del 1961 sono invece gli affreschi del muro presbiterale che ritraggono scene eucaristiche (Ultima Cena, Discepoli di Emmaus e Preparativi per l’Ultima Cena), e quelli che fanno corona alla pala absidale (Assunzione della Madonna di Francesco Solimena), raffiguranti la SS. Trinità, le Litanie Lauretane e la Gloria dei SS. Patroni Stefano e Agata.

 

In questa navata di notevole pregio sono la colonna del cero pasquale dell’arcivescovo Erveo (1073-1088), la pila dell’acqua santa dell’arcivescovo Cesare Costa (1572-1602) a sinistra, e l’altra consimile del card. Cosenza (1850-1863), nonchè‚ la cripta con il Cristo Morto di Matteo Bottiglieri, l’Addolorata della scuola del Canova, il prezioso sarcofago romano e le decorazioni musive. Nella navata destra, che approssimativamente riconduce all’aspetto della chiesa prima della distruzione, vanno considerati gli avelli dei signori de Capua e la lastra funeraria dello storico capuano Michele Monaco (1575-1644) nella cappella dei SS. Andrea e Biagio, i monumenti sepolcrali dei cardinali Cosenza e Francesco Saverio Apuzzo (1871-1880) nella cappella di S. Giuseppe, l’epitaffio dello storico Camillo Pellegrino (1598-1663) nella cappella di S. Stefano, le tombe degli arcivescovi Giordano Caetani e Salvatore Baccarini (1930-1962) nella cappella di S. Lucia, e infine la statua della Madonna della Purità (sec. XV) nella cappella del SS. Sacramento, dove campeggia l’inestimabile altare (secc. XVI-XVII) donato al card. Alfonso Capecelatro (1880-1912) dai Reali di Savoia.

 

Particolare attenzione va data, nella navata sinistra, alla base della colonna del cero pasquale, che fa da sostegno alla vasca battesimale, e ai leoni stilofori del sec. XII nella prima cappella, al Crocifisso (sec. XVI) nella cappella dei SS. Pietro e Benedetto, e ai mosaici del primitivo ambone, che impropriamente abbelliscono la cappella dell’lmmacolata. La scultura che egregiamente ritrae la Madonna fu un dono di Ferdinando II di Borbone (1830-1859).”Ecclesia mater” della Metropolia di Capua dal 966 al 1979, la cattedrale dal 1827 è Basilica Minore, titolo fattole conferire dal cardinale arcivescovo Francesco Serra Cassano (1826-1850).

Orari di visite: Tutti i giorni dalle ore 8.00 alle 11.30 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00

 

Come raggiungerla:

Per informazioni e dettagli

Per maggiori informazioni sulla Cattedrale dei S.S. Stefano e Agata contattaci:

Telefono: +39 0823 961299
Email:info@hotelcapys.com

> Clicca qui per visitare la nostra pagina Facebook

> Clicca qui per le indicazioni stradali

PRENOTA IL TUO SOGGIORNO

HOTEL CAPYS CAPUA

SAPPIAMO COME SODDISFARE LE VOSTRE ESIGENZE   

SHOPPING

 

Reggia Designer Outlet

A pochi chilometri dall’ Hotel Capys, sorge L’Outlet Village di Marcianise (Caserta) “la Reggia”, punto di   riferimento in tutta la Campania per lo shopping. Il nome di questo Designer Outlet è un evidente omaggio alla Reggia di Caserta, con un ampio assortimento di oltre 100 boutique multimarca e monomarca, l’Outlet “La Reggia”è  quindi il luogo ideale per i tuoi acquisti.

 

> Le nostre idee per il tuo shopping

CELEBRAZIONI

 

Matrimonio a Capua e Caserta

Organizzate  un evento che resti indelebile nelle vostre menti e in quelle degli invitati, in un luogo che sia sinonimo di comfort e classe. I nostri spazi,  ampi e flessibili , ma allo stesso tempo raffinati, offrono la possibilità di ospitare buffet e banchetti di grande prestigio,rendendo unico ed esclusivo,  qualsiasi tipo di evento grazie alla cura dei particolari e agli elevati standard qualitativi del servizio.

 

> I tuoi eventi

BUSINESS

 

Lavoro e Business a Capua

Grazie alla sua ampiezza e alla sua ubicazione strategica, l’ Hotel Capys rappresenta la cornice ideale per organizzare i vostri incontri  esclusivi. I nostri ambienti, versatili e personalizzabili a seconda delle esigenze,  offrono la possibilità di svolgere eventi come meeting, congressi, presentazioni di diverso tipo e workshop. La nostra struttura dispone, infine, di salette riunioni e aree dedicate ad incontri sociali.

 

> Il tuo Business

HOTEL CAPYS SUI SOCIAL

 

facebook_icon

twitter_icon

pinterest_icon

socialmedia-google

CONTATTACI

 

Benvenuti all’ Hotel Capys – Contattaci per ricevere tutte le offerte e le novità del nostro Hotel.

 

CONTACT US
SUCCEDE AL CAPYS


Visita la sezione Eventi, per scoprire le novità e le sorprese che l’Hotel Capys ha riservato in esclusiva ai propri ospiti.

 

EVENTI

Ospitalita-Italiana

Venere-Qualita
Venere-QualitaCapys
Sincert
Touring-Club-Italiano

Rotary-Capua

Federalberghi
Confcommercio
Cermet